IL PICCOLO FUGGITIVO

Era un caldo pomeriggio di giugno del 1959 quando io e mio fratello Luigi andammo al teatro Alfieri di Torino che in estate faceva proiezioni pomeridiane di film. La pellicola in programmazione era “Il piccolo fuggitivo” la storia di Joey, un bambino di sette anni di New York che, vittima di un crudele scherzo, crede di avere ucciso il fratello Lennie e scappa rifugiandosi sulla spiaggia luna park di Coney Island; il bambino attraversa varie peripezie per ritrovarsi al tramonto a trascinare un sacco sulla spiaggia per raccogliere bottiglie e lattine vuote e ricavarne 5 centesimi al pezzo.

Giusto per non lasciarvi a bocca asciutta vi dirò che il fratello lo trova e lo consola ed entrambi tornano a casa prima che la mamma si accorga dell’accaduto, happy end, tanto per non sbagliarci, però avevo ammirato l’ingegno di un bambino di sette anni che rimedia qualche soldo vagando per una grande spiaggia con un sacco per raccogliere bottiglie vuote.

Vi chiederete cosa abbia a che fare questa storia con l’argomento di oggi, ebbene ha molto a che fare. Questo ormai remoto ricordo è stato risvegliato dal vedere tanti “Joey”, di tutte le età, una vera e propria brigata di infelici che ogni giorno vedo girare un po’ ovunque a razzolare nei bidoni dei rifiuti per trovare qualche lattina o bottiglia compatibile con la regolamentazione californiana per il riciclaggio dei rifiuti. Una brigata che me ne ricorda un’altra un tempo presente in Italia, quella che mia nonna chiamava la “Brigata Cirio” perché le latte vuote dei pelati Cirio erano i contenitori che quegli sfortunati usavano per andare dalle suore a rimediare una minestra calda.

 

rifiuto3 Vediamo un po’ come funziona la “Brigata Joey”, in California esiste la cosiddetta California Redemption Value, o CRV, stabilita dal “Bottle Bill” ovvero il California Beverage Container Recycling and Litter Reduction Act of 1986 che consiste in un deposito pagato all’acquisto di determinate bevande con contenitori di alluminio, plastica, vetro e bimetallo sui quali deve essere riportata la sigla: CA CRV, la gabella è di 5 centesimi di dollaro per i contenitori sotto le 24 once liquide (691,91 ml) e di 10 centesimi per i contenitori oltre le 24 once liquide. Quanto pagato all’acquisto è sempre riportato sulla ricevuta.

 

Io do come posso una mano ai Joey che cercano le mie lattine o bottiglie, raccogliendole in un contenitore a parte per poi metterle in un sacco bianco, ben visibile, e di fianco ai bidoni dei rifiuti. Qualche giorno fa dopo avere posato il sacco nel luogo designato ho sentito una voce gentile che mi diceva: “God bless you!” mi sono voltato e ho visto un giovane uomo che teneva in mano il mio sacco e mi sorrideva. Mi sono sentito tanto ma tanto buono!

Mi sono chiesto molte volte chi fossero questi Joey costretti a razzolare nei rifiuti per vivere e ne ho parlato con un mio conoscente SoCal, lui mi ha detto che sono dei social misfits ovvero degli emarginati sociali, alcolizzati, homeless, licenziati o persone che hanno fatto fallimento in proprio, negli USA è possibile, e poi non sono riusciti a reintegrarsi, cosa purtroppo assai frequente da queste parti.

 

 

Sono andato anche sbirciare in un centro di raccolta di questi materiali presso un cinema drive in ormai chiuso da tempo, mentre ero lì ho visto arrivare un corteo di Joey, alcuni spingevano un carrello di Walmart, di Vons o altri supermarket colmi di sacchetti bianchi pieni di lattine e bottiglie, ho visto anche due o tre dei miei “clienti” come il ragazzo gentile e la signora con un rabberciato carretto attaccato alla bici, l’omone dal grande sorriso senza denti o l’anziana signora, età indefinibile, che ogni tanto vedo con uno di quegli aggeggi per acchiappare gli oggetti fuori portata visto che qui i bidoni dei rifiuti sono davvero enormi mentre il giovane uomo si tuffa letteralmente nel bidone.

cassonetto

 In un attimo di tregua ho fatto una breve intervista al gestore del centro di raccolta e gli ho chiesto quante persone ogni giorno vadano a conferire il loro raccolto, lui mi ha detto che sono oltre 100 e che quasi ogni giorno portano qualcosa, gli ho chiesto anche quanto riescono a tirare su in fatto di dollari e lui mi ha detto che il ricavo medio è di oltre 15 dollari con alcuni, davvero molto organizzati che riescono anche a mettere su 50 o 100 dollari.

 

Nota finale: Il CalRecycle ha comunicato che dal 1987, anno in cui è stato implementato questo regolamento sono stati raccolti ben 300 milioni di dollari nel solo riciclaggio di quanto consegnato ai centri di raccolta: a 5 centesimi al pezzo, fate un po’ voi il conto!

Per chi ne vuole sapere di più sul film: clicca qui 

per la CA CRV  clicca qui

Se qualcuno volesse vedere il film ecco il link alla versione originale con sottotitoli in spagnolo: clicca qui

 

condividi dai non fare il tirchio!Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook