Hai appena finito un corso di diving, oppure sei in sommozzatore professionista? Beh allora non potrai di certo perdere questo articolo sui migliori luoghi dove effettuare immersioni. Spesso si crede che il periodo migliore per osservare la bellezza dei fondali marini è l’estate.

Anche d’inverno o in autunno immergersi è una delle attività acquatiche più gettonate. Il mare in inverno ha, infatti, un fascino particolare, che riesce ad ammaliare e ad ispirare, grazie alla sua atmosfera misteriosa. Ecco, dunque, quali sono i posti migliori per vivere un’esperienza magica tra i fondali più belli.

1. La Secca delle Formiche, Campania

La Secca delle Formiche è un luogo che attrae turisti da tutta Italia. Questo grazie alle meraviglie che racchiudono i suoi fondali, come, ad esempio, la sua barriera corallina. Il sito è di noto interesse, infatti, per via della biodiversità lì presente. Qui è possibile trovare diverse specie di esemplari marini come: gorgonie, murene e scorfani.

La Secca e l’omonima grotta si trovano ad una profondità compresa tra i 12 e i 20 metri sotto il livello del mare. La particolarità, però, di questo tratto di mare situato tra Ischia e l’isolotto di Vivara, sono i fantastici giochi di luce, i quali vengono creati dalla luminosità dei raggi del sole e sono ben visibili di giorno. Se sarete abbastanza fortunati, riuscirete anche ad incontrare qualche delfino.

2. Portofino, Liguria

Nonostante Portofino sia una delle località con le regole più stringenti per quanto riguarda le immersioni, praticare diving in queste acque ne vale la pena. Infatti, ad esempio, non è consentito praticare immersioni di notte oppure senza degli accompagnatori esperti.

Allo stesso tempo, i fondali di queste spiagge sono tra i più belli in Italia. Non solo per la varietà di pesci e animali che vivono qui, ma anche per la presenza di coralli rossi, madreporario giallo, grotte e anche relitti. Tra gli animali che potrete osservare ci sono anche astici, cernie e aragoste. Tutto ciò consente di assistere ad uno spettacolo mozzafiato, che sarà reso unico anche grazie alla presenza del Cristo degli Abissi. Vuoi sapere di più sulla storia di questa statua, allora leggi il nostro articolo L’Italia nascosta: 5 mete sconosciute da visitare assolutamente.

3. Miramare, Friuli

Miramare non è conosciuta solo per il suo fantastico castello. Le acque che lo circondano nascondono, infatti, ancora altre bellezze da scoprire. L’area protetta dal WWF è composta da fondali pieni i fascino che ti lasceranno di sicuro a bocca aperta. Il tour inizia proprio dalla riva, da dove nuotando riuscirai a raggiungere il costone, che si trova proprio sotto il castello. Per chi è alle prima armi o non vuole fare immersioni troppo lunghe, è possibile visitare il museo sulle specie ittiche dell’Adriatico oppure dedicarsi allo snorkeling.

Il vero spettacolo però si trova in profondità. Questa costa, infatti, vanta di un ambiente unico, grazie alla presenza di baie, scogli e rocce, dove è possibile osservare la flora e la fauna del posto. È possibile, dunque, imbattersi in crostacei di tutti i tipi, molluschi, granchi e anche in alcuni pesci insoliti come la Bavosa pavone.

Le rocce degli scogli sono caratterizzati da alghe, brune e verdi, spugne a canne d’organo e tra la sabbia dei fondali si nascondono anche delle bellissime stelle marine.

4. Capua, Campania

Mentre le altre località di immersioni sono note per la bellezze naturali che le circondano, Capua è ricordata per un altro tipo di attrazione. Se sei un subacqueo professionista e hai la passione per le fotografie, allora questo è il luogo che fa per te. A pochi metri dalla costa, infatti, si trova uno dei relitti meglio mantenuti in Italia, si tratta del Relitto di Capua.

Questa era una nave da cargo che affondò durante i combattimenti della Seconda Guerra Mondiale. Sarà un’esperienza straordinaria per gli appassionati di immersioni.

condividi dai non fare il tirchio!Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook