L’Italia è uno dei Paesi con più giardini e parchi naturali al mondo. Da Nord a Sud, sono centinaia le ville e gli spazi pubblici adornati da giardini, che permettono di far immergere il visitatore in un mondo fatto di profumi e paesaggi unici.

I giardini, d’altronde, per via del loro fascino, sono stati spesso il simbolo dell’arte e della poesia. Per molti rappresentano un luogo dove rilassarsi e trascorrere un po’ di tempo in tranquillità, per altri, invece, sono dei veri e propri paradisi terrestri. Ma quali sono i giardini italiani più belli? Scopriamolo insieme!

1. I giardini della Reggia di Caserta

La Reggia di Caserta è una delle residenze nobiliari più conosciute e con i suoi 47.000 m² è la più grande al mondo. La bellezza della reggia è data anche dalla presenza di un gigantesco parco naturale formato da due tipi di giardini: quello all’italiana e quello all’inglese.

Nel Giardino all’italiana l’attrazione principale è la Peschiera Vecchia, che fu voluta da Ferdinando IV, il quale intratteneva i suoi ospiti con delle piccole simulazioni di battaglie navali. Il Giardino all’inglese, invece, è stato progettato su commissione della moglie del re, che affidò i lavori ad un esperto in botanica, il britannico John Andrea Graefer. Oggi nel giardino possiamo trovare piante di diverse specie, a volte anche rare, molti laghetti e anche delle piccole rovine. La moda del tempo era condizionata dai recenti scavi di Pompei e così anche alla Reggia sono presenti i resti di un Tempio dorico.

2. Villa d’Este (Roma)

Il giardino di Villa d’Este è uno dei più belli al mondo, ed è molto spesso imitato anche nel resto d’Europa. Questo perché i giardini sono un vero e proprio capolavoro, grazie alla presenza di numerose fontane, grotte e giochi idraulici.

Tra la vegetazione si possono trovare anche dei reperti di Villa Adriana, nella quale vi erano anche delle statue dell’epoca romana, che sono andati persi. A progettare la Villa con il suo giardino fu il pittore e architetto Pirro Ligorio. Il lavoro, invece, fu commissionato dal cardinale Ippolito d’Este dal quale prende il nome la struttura.

3. Parco Giardino Sigurtà

Il nome di questo immenso giardino deriva dalla famiglia che lo acquistò nel 1941 e che lo gestì fino ad oggi. Il Parco è noto per i tantissimi tipi di fiori che lo adornano: tulipani, narcisi, giacinti e tanti altri. La parte che attrae il maggior numero di turisti, è il Viale delle Rose, lungo il quale, ogni anno, sbocciano più di 30000 rose. Ne potrete trovare di vario genere: Queen Elizabeth oppure Hybrid Polyantha & Floribunda.

I Giardini Acquatici, sulle cui acque galleggiano delle ninfee bellissime, non sembrano nemmeno reale, ma assomigliano ad un dipinto impressionista. Come quasi ogni parco, è presente anche un labirinto, al centro del quale sorge una torretta con una cupola in rame. Salendo le scale che vi porteranno in cima, potrete ammirare l’intero Giardino da una vista mozzafiato.

4. I Giardini La Mortella (Ischia)

Volete portare la vostra dolce metà in una fuga romantica, questo è il posto giusto. Qui, infatti, l’amore e l’ispirazione s’incontrano, così come accadde per il musicista britannico William Walton e sua moglie Susana che decisero di trasformare questo luogo stupendo in un vero proprio paradiso terrestre. L’architetto Russel Page fu chiamato nel 1956 a progettare il complesso paesaggistico. Oggi, grazie a lui, è un giardino caratterizzato da due stili principali, quello mediterraneo e quello subtropicale.

L’ideatore del progetto non fu abile solo nell’accostare lo splendore delle piante alla bellezza dei corsi d’acqua. Riuscì anche a coltivare piante insolite per il territorio, come le ninfe tropicali, i fiori di loto e persino il papiro. Questo per far apprezzare al massimo al visitatore il clima orientale, che è il tema principale del giardino.

condividi dai non fare il tirchio!Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook