Sabato scorso TravelFood è andata a curiosare al festival organizzato dall’associazione A Night Like This, che dal 2012 porta il meglio della musica indipendente in uno dei luoghi più suggestivi d’Italia.

Le verdi colline, il luccichio delle acque del lago, le note di chitarra in sottofondo: è questo l’irresistibile biglietto da visita del “Lake Me Up!”

Copyright A Night Like This

Chiaverano Cittàslow

Siamo sulle rive del lago Sirio, a Chiaverano, piccolo comune del Canavese, 60 chilometri a nord di Torino, uno dei primi paesi ad aderire alla rete Cittaslow. Elemento distintivo del paese è il campanile della Chiesta di San Silvestro, risalente al XIII secolo, che con i suoi 65 metri risulta visibile anche dai paesi confinanti. Chiaverano è rinomato per i tomini (famosa è la battaglia dei tomini, risposta chiaveranese alla battaglia delle arance di Ivrea), per la grappa (la distilleria Revel Chion porta avanti una tradizione che dura da sette generazioni), e per il rosmarino (merita una visita l’orto botanico della Chiesa di Santo Stefano, che annovera 12 tipologie diverse di rosmarino).

Il territorio

Il territorio di Chiaverano, modellato dai ghiacciai del Pleistocene che con il loro scioglimento hanno regalato morbide colline e piccoli laghi, offre panorami mozzafiato. Qui il lago Sirio è protagonista, con i suoi scorci da cartolina, ma anche e soprattutto con le sue spiagge balneabili, che lo rendono meta prediletta dagli abitanti della zona per trovare ristoro dalla calura estiva.

Copyright Giorgia Caserio

Lake Me Up! Musica indie in riva al lago

Ed è proprio in questo angolo di paradiso che si svolge il Lake Me Up. Figlio dell’A Night Like This Festival, che in sette edizioni ha portato a Chiaverano il meglio della nuova scena indie italiana ed internazionale, questo evento dà l’occasione di godere del paesaggio in modo inedito: gli artisti si esibiscono sul pontile del lago, mentre il pubblico assiste dalla riva. Senza spalti, senza gradinate o sedute, ci si gode lo spettacolo in totale armonia con la natura e senza impatto sul territorio. La line up è risultato di una attenta selezione tra gli artisti più promettenti del panorama della musica indipendente italiana. La scaletta della serata si sviluppa con coerenza, e sembra voler andare di pari passo con i ritmi naturali, il lento calar del sole, il crepuscolo, e poi la notte: si passa dalle dolci note dell’ukulele di HER SKIN alla voce calda di FADI, si prosegue con i beat elettronici di ON OFF MAN e i suoni cupi e suadenti dei PINHDAR, e si finisce per ammirare la luna facendosi cullare dalle melodie sognanti dei Sonars. Non a caso il festival è stato definito dalla rivista RockIt come una delle 10 location più suggestive in Italia dove ascoltare musica.

copyright A Night Like This

Il food

A fare da contorno alla serata ci sono i Farinel on the Road, Maestri del Gusto e veterani dello street food itinerante, con le loro miasse, sottili piadine di farina di mais tipiche dell’Alto Canavese, specialità rivisitata per l’occasione in miassa “indie”: salignun, ovvero crema di ricotta fresca alle erbe cipolline, e salame del contadino. Intelligente mossa di marketing! Di fianco a loro, lo stand del Birrificio Abbà di Livorno Ferraris (VC) spilla bionde e ambrate di altissima qualità.

Festival rock e turismo lento: accoppiata vincente

Tra una canzone e l’altra, tra una birra e una miassa, faccio due chiacchiere con i presenti. Il pubblico del festival arriva soprattutto dalle grandi città, Torino e Milano, altri anche da più lontano. Ma alla domanda “eri già venuto a Chiaverano?” la reazione è pressoché la stessa “non lo avevo mai sentito nominare, qui è bellissimo, spero di tornare”. Il festival indie funge quindi da cassa di risonanza per dare visibilità ad un territorio tutto da scoprire, con i suoi paesaggi, la sua storia e le sue eccellenze, e rappresenta un approccio giovane ed innovativo per immergersi un antico borgo all’insegna del turismo lento e sostenibile.

copyright A Night Like This

Anni fa Celentano in una sua trasmissione faceva distinzione tra “rock” e “lento”: Chiaverano può affermare con orgoglio di essere sia rock sia lenta!

condividi dai non fare il tirchio!Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook