Se desiderate trascorrere una vacanza all’insegna del relax e della leggenda, allora non potete non visitare la bellissima città di Gaeta, in provincia di Latina. A partire dalle testimonianze storiche, passando per gli edifici religiosi, fino ad arrivare alle spiagge e la Montagna Spaccata, avrete solamente l’imbarazzo della scelta.

Gaeta: vacanza all’insegna della storia e del relax

Collocata nell’estremità meridionale della Riviera d’Ulisse, ai piedi del monte Orlando, Gaeta è sicuramente una città che vanta origini antichissime. Sono davvero tanti, infatti, i monumenti e le testimonianze storiche, tra cui resti romani, medievali e roccaforti borboniche.

In particolare, se visitate Gaeta, non potete non ammirare il meraviglioso Duomo, dedicato a Santa Maria Assunta in cielo, e la Cattedrale di S. Eramo. La fortezza della città, inoltre, è dominata da due Castelli: quello superiore originariamente era adibito a Reggia di Alfonso d’Aragona, mentre quello inferiore è stato da sempre utilizzato come strumento di difesa.

Duomo-di-Gaeta
Duomo di Gaeta

Se tutto questo non bastasse, proseguendo il vostro tour tra le vie di Gaeta, potrete anche vedere le torri d’avvistamento, costruite per cercare di difendersi dalle incursioni saracene e corsare.

Le leggende della Montagna Spaccata

Oltre ai vari monumenti storici e religiosi, non potete visitare Gaeta senza restare ammaliati alla vista della Montagna Spaccata. Vera e propria bellezza naturale, si tratta di un luogo caratterizzato da tre fenditure all’interno della stessa roccia.

Montagna Spaccata
Montagna Spaccata

Luogo ideale per fare l’arrampicata o l’ancoraggio, a rendere anche più suggestivo questo luogo sono le leggende in merito. Secondo una tradizione pia, ad esempio, sembra che la roccia si sia aperta al momento della morte di Gesù. Un’altra leggenda, invece, fa riferimento alla storia d’amore tra Etele e Giordano. Lui era un boscaiolo, mentre lei figlia della maga del bosco. Per colpa di una maledizione, il giorno in cui è morta la madre, la montagna si spaccò facendo scomparire per sempre Etele. L’amore dei due giovani, però, si trasformò in acqua per essere ammirato da chiunque visiti questo luogo.

Ma non solo, in merito alla Montagna Spaccata vi sono anche altre leggende come quella della Mano del Turco e del letto di San Filippo Neri. Per scoprire di cosa trattino, però, vi consigliamo di recarvi a Gaeta. In questo modo potrete immergervi nella bellezza di questa località e farvi affascinare da queste storie particolarmente suggestive.

Per finire, se visitate Gaeta non potete non farvi un tuffo tra le sue meravigliosa acque. Questa città, infatti, vanta sette spiagge diverse per ampiezza e conformazione. A partire dalla spiaggia di Serapo, passando per Fontania, Quaranta Remi, Ariana, fino ad arrivare a San Vito, Arenatua e Sant’Agostino, avrete solamente l’imbarazzo della scelta.

condividi dai non fare il tirchio!Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook